Segnalazioni di illecito - Whistleblower

I dipendenti “interni” della Società degli Interporti Siciliani (SIS) e i lavoratori e i collaboratori delle imprese fornitrici di beni o servizi che realizzano opere in favore di SIS possono inviare segnalazioni di illeciti di cui si è venuti a conoscenza in maniera sicura e confidenziale tramite questo link: https://interportisiciliani.whistleblowing.it/

La piattaforma informatica utilizzata è stata attivata nell’ambito del progetto WhistleblowingPA promosso da Transparency International Italia e il Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani e Digitali.

Tra i principali vantaggi di questo strumento vi è la possibilità di segnalare in maniera anonima e di dialogare con il ricevente della segnalazione, il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza (RPCT), per approfondire ulteriormente la vicenda.  L'identità del segnalante viene segregata dal sistema informatico ed il segnalante, grazie all’utilizzo di un codice identificativo univoco generato dal predetto sistema, potrà “dialogare” con il RPCT in maniera spersonalizzata tramite la piattaforma informatica.

Il nominativo del segnalante potrà essere acquisito dalla magistratura nei casi previsti da legge.

Informativa al segnalante:

  • Al fine di poter diffondere la cultura del Whistleblowing ed incoraggiare le segnalazioni è possibile effettuare effettuare segnalazioni anonime. Queste verranno valutate con una priorità inferiore a quelle non anonime e qualora non indicheranno informazioni utili per verificare il contenuto delle stesse (precisi riferimenti o situazioni verificabili dal Responsabile per la Prevenzione della Corruzione) verranno considerate non attendibili e chiuse.
  • Il pubblico dipendente che, nell'interesse dell'integrità della pubblica amministrazione, segnala al responsabile  della  prevenzione della corruzione e della trasparenza di cui all'articolo 1, comma  7, della legge 6 novembre 2012, n. 190, ovvero  all'Autorità  nazionale anticorruzione (ANAC), o denuncia all'autorità giudiziaria ordinaria o a quella  contabile, condotte illecite di cui è venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito, o sottoposto  ad  altra  misura organizzativa avente effetti negativi,  diretti  o  indiretti,  sulle condizioni di lavoro determinata dalla  segnalazione;
  • Il Segnalante che voglia utilizzare la problematica riportata come possibile strumento di scambio per ottenere la riduzione, o l’esclusione, di una precedente sanzione disciplinare o per ottenere benefici all’interno dell’organizzazione, quali, ad esempio, bonus o promozioni è passibile di sanzioni disciplinari;
  • Le segnalazioni non devono contenere accuse che il segnalante sa essere false. La segnalazione non deve essere utilizzata come strumento per risolvere mere questioni personali;
  • La segnalazione non garantisce alcuna protezione al segnalante nel caso in cui abbia concorso alla realizzazione della condotta illecita;
  • SIS si impegna a tutelare il segnalante solo rispetto a possibili condotte ritorsive o discriminatorie poste in essere in ragione della segnalazione, e quindi rimangono possibili eventuali sanzioni disciplinari a cui il segnalante potrebbe essere sottoposto per comportamenti passati;
  • Rimane impregiudicata la responsabilità penale e civile del segnalante, nell’ipotesi di segnalazione calunniosa o diffamatoria;
  • Le segnalazioni manifestamente false, opportunistiche e/o effettuate al solo scopo di danneggiare il segnalato nonché ogni altra ipotesi di abuso  o strumentalizzazione intenzionale della procedura di segnalazione sono passibili di sanzioni disciplinari;
  • Differenze tra whistleblowing e lamentela personale: le segnalazioni riguardano tutte quelle situazioni in cui il segnalante agisce a tutela di un interesse non personale, in quanto il fatto segnalato, solitamente, attiene a pericoli o rischi che minacciano l’organizzazione nel suo complesso, altri dipendenti, i terzi, i soci o anche, in via più generale, la  collettività. Semplici lamentele personali o richieste che attengono alla disciplina del rapporto di lavoro o ai rapporti con superiori gerarchici o colleghi non saranno tenute in considerazione.

Bandi e appalti

BANDO DI GARA APERTA PER I LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL POLO INTERMODALE DELL'INTERPORTO DI CATANIA CON REVISIONE DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA. CIG 7468385245. CUP H31H03000160001. COMUNICAZIONE DI AGGIUDICAZIONE.
Leggi tutto


BANDO DI GARA APERTA PER I LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL POLO INTERMODALE DELL'INTERPORTO DI CATANIA CON REVISIONE DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA. CIG 7468385245. CUP H31H03000160001.
Scadenza: 27/06/2018 | Leggi tutto


PROCEDURA NEGOZIATA SENZA PREVIA PUBBLICAZIONE DEL BANDO DI GARA PER L’AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE TECNICA ED OPERATIVA DEL POLO LOGISTICO DELL’INTERPORTO DI CATANIA
Scadenza: 05/07/2019 | Leggi tutto

BANDO DI GARA APERTA PER ATTIVITÀ DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO PER L'INTERVENTO “POLO INTERMODALE DELL’INTERPORTO DI CATANIA
Scadenza: 22/07/2019 | Leggi tutto

Selezione Organismo di Vigilanza
Scadenza: 31/10/2019 | Leggi tutto

Iscrizione newsletter

Iscrivendoti alla nostra newsletter potrai ricevere regolarmente sulla tua casella di posta elettronica, gli aggiornamenti su tutte le notizie e gli ultimi bandi di gara pubblicati sul sito di Interporti Sicilia.


I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali.

Avanzamento lavori


Guarda tutte le foto

Società degli Interporti Siciliani
SEDE LEGALE: VIII Strada n. 101 - 95121 Catania (CT)
UNITÀ OPERATIVA TERMINI IMERESE:
- ()
Contatti
Email:
PEC:
capitale sociale sottoscritto € 2.556.456,00
capitale sociale versato € 2.556.456,00
iscrizione REA CCIAA CT 202908
P. IVA 03205100872
Tel. +39 095.735 72 72